728 x 90

Covid 19: stratagemma per imporre un Nuovo Ordine Mondiale?

Covid 19: stratagemma per imporre un Nuovo Ordine Mondiale?

 

di Luca Marani

Sono passati un po’ di giorni dal primo articolo intitolato, Covid 19: è iniziato il Grande Reset? Tanti pensieri si affollano da allora e tante cose sono successe: dalle spregiudicate affermazioni del nostro Primo Ministro, non basate su alcuna certezza scientifica, che in diretta tv è stato capace di dire che se non ti vaccini muori e fai morire i tuoi cari, al decreto legge che istituisce il Green Pass e sancisce di fatto una discriminazione della popolazione fra chi è vaccinato e chi ha scelto di non vaccinarsi; dall’ottuso e sordo atteggiamento nei confronti dell’appello dei medici che hanno curato migliaia di persone a casa e che sostengono che le cure al covid 19 esistono, alla legge recente che non obbliga l’inoculazione del vaccino ma di fatto priva i cittadini Italiani persino di poter lavorare se non se lo fanno inoculare.

Un primo fatto evidente è che l’Italia è (stata?) spaccata in 2: da una parte i cittadini vaccinati che considerano dogmatico tutto quello che viene detto loro dalla tv e dal Governo; dall’altra i non vaccinati (o vaccinati contro la propria volontà per ragioni di forza maggiore) che ascoltando medici e specialisti di altissimo profilo (e senza alcun conflitto d’interesse alle spalle ma anche senza voce nei media del mainstream), non ci vedono chiaro nel pressing che sta operando il Governo e di fare la cavia ad un siero sperimentale non ci pensano proprio. Una divisione che rispolvera le parole pronunciate dalla fine mente dell’ex statista democristiano Giulio Andreotti con il suo “a pensar male forse si fa peccato ma spesso ci si azzecca”! Sì perché troppe sono le anomalie che emergono: in una situazione normale, di fronte a quella che hanno definito pandemia (ma che tale non si sta rivelando), ci si attenderebbe in Tv un confronto aperto fra chi sostiene una versione e chi l’altra con un unico scopo finale che è il benessere della popolazione. Invece, mentre in Tv circola un pensiero unico e si deride e disprezza chi resiste e non si vaccina, attraverso i social media si materializza un’altra realtà e si possono leggere ed ascoltare le voci di Premi Nobel, esperti virologi, medici di assoluto prestigio che raccontano esattamente un’altra versione dei fatti, provocando di fatto una distanza sempre più netta fra chi considera i non vaccinati degli egoisti che non si curano del bene comune e chi invece si rende conto che la realtà è ben diversa da come viene presentata in Tv e sui giornali e guarda con disprezzo chi si accontenta della narrazione televisiva e non si accorge che tutto sta cambiando… a nostre spese.

Allora sgombriamo il campo da alcune “certezze” che così vengono fatte passare ma tali non sono: 1. Il Green Pass non è una norma sanitaria ma soltanto politica! Il motivo è che chi ne è provvisto è ben lungi dall’essere immune ma può essere contagiato e quindi contagiare esattamente come chi non lo possiede. 2. Il vaccino NON IMMUNIZZA, ossia non evita di venir contagiati ma, dicono, di attenuare le conseguenze del contagio. 3. Con l’immunità di gregge saremo tutti liberi, come ci hanno detto a Natale 2020, parlando di Pasqua e stanno continuando a fare? No! Nei paesi a più alta percentuale di inoculazioni, si è ben lontani dall’aver raggiunto la tanto sbandierata immunità di gregge ma si parla di ulteriori vaccini e di altri possibili lockdown, vedi Israele che è alla 4ª dose.

A questo punto, se le informazioni Tv non venissero prese come dogma, tutti ci dovremmo porre la domanda: ma se il vaccino non immunizza, cioè non impedisce che ci ammaliamo di Covid 19, a che cosa serve? E perché lo chiamiamo vaccino? Qui introduciamo una nuova visione che ai pro-vax provocherà l’orticaria ma che è forse l’unica risposta alla domanda: il Covid 19 è propedeutico alla realizzazione di un nuovo ordine mondiale, in cui si verifichi un totale controllo delle masse? Probabilmente è solo in questo modo che si spiega la sospensione dei diritti Costituzionali, il non rispetto del Regolamento Europeo che, lo ricordiamo, precisa che non si possa discriminare chi ha scelto di non vaccinarsi e lo spregevole, inaccettabile (in tempi di democrazia) ricatto del Green Pass esteso a tutti lavoratori che da una parte non obbliga al vaccino e dall’altra costringe a doverselo inoculare: pensiamo a tutte quelle famiglie mono reddito che verrebbero private di sostentamento. C’è una ragione sanitaria per imporre questa dittatura? No, perché il vaccino non immunizza mentre esistono cure domiciliari che si sono dimostrate efficaci e dunque, questa ferocia del Governo da cosa è suggerita? E perché (vedi tabella) solo in Italia c’è questo ricatto tanto esteso del Green Pass?

Una spiegazione l’ha data Carlo Freccero, personaggio di altissimo prestigio con una lunga carriera dirigenziale in Rai e in Mediaset che intervenendo alla trasmissione “Stasera Italia” condotta da Barbara Palombelli (potete ascoltarlo cliccando su questo link: https://www.facebook.com/rosanna.rupil.71/videos/562967118347162), ha parlato del Grande Reset e del Nuovo Ordine Mondiale, citando 2 libri uno dei quali, quello che parla della 4ª rivoluzione Industriale, ha la prefazione di John Elkan. Interessante ascoltare anche le parole, non certamente complottiste, dell’ex Presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi in quest’altro video… https://www.youtube.com/watch?v=pg8u2yA6efo&t=2822s #fidelio, che danno anche un’idea del perché il Papa sia indirizzato alla vaccinazione.

Iniziano dunque a diradarsi le nubi pandemiche e a materializzarsi il vero intento di chi ha costruito tutto questo “castello” basato sul terrore istillato dai media e su un virus “poco più grave di un’influenza” (parole di Maria Rita Gismondo Direttore dell’ospedale Sacco di Milano) che si sarebbe potuto curare in casa se solo lo si fosse voluto? E’ la vera domanda che dobbiamo porci e a cui i prossimi mesi dovranno dare risposta. Di certo, una realtà si è già concretizzata: non esistono più le (presunte) differenze politiche fra destra e sinistra ma tutti i partiti sono uniti nell’imporre con la coercizione più o meno palese, un vaccino ai propri… vogliamo già chiamarli sudditi?

* Ospitiamo la seconda puntata del servizio del collega Luca Marani, fortemente critico con il governo sul Green Pass e con la comunita’ scientifica internazionale sul vaccino anti Covid-19.
Si precisa che il contenuto è opinione personale dell’autore e non della testata, aperta a diffondere i punti di vista più vari.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos