728 x 90

Covid, allarme in tutta Europa. Aumentano i contagi

Covid, allarme in tutta Europa. Aumentano i contagi

Scatta l’allarme in tutta Europa sulla pandemia. Già da alcune settimane l’OMS aveva lanciato l’allarme affermano che “l’Europa è al centro della pandemia di Covid-19” e i dati lo stanno confermando

In Germania, ad esempio, continua a crescere il numero dei contagi: il dato indica che è stata superata la soglia dei  65’000 nuovi casi in 24 ore. Ieri la cancelliera Angela Merkel ha definito la situazione drammatica, molti ospedali stanno perdendo il controllo della situazione e oggi la cancelliera incontrerà i governatori regionali per discutere di nuove misure sanitarie per contrastare questa quarta ondata della pandemia.

L’OMS è da parte sua tornata ieri a ribadire il concetto, facendo riferimento ai dati che riguardano la prima settimana di novembre, quando in Europa si è concentrato il 60% dei nuovi casi rispetto alle infezioni globali e il 55% dei decessi legati al Covid-19. A preoccupare è soprattutto la costante crescita perché sia i contagi sia i decessi continuano ad aumentare nell’area Europa, quando invece nelle altre parti del mondo si registra una certa stabilità se non addirittura una diminuzione. L’unica eccezione riguarda l’Africa dove i contagi sono in leggero aumento.

Se la pandemia è in forte espansione in Europa, l’aumento dei casi sul territorio non è però omogeneo. Nei paes dell’Europa dell’est da tempo le cifre sono allarmanti, sulle quali pesa un tasso di vaccinazione molto basso. Un esempio: la Polonia nell’ultimo mese si ritrova con un +30% di contagi.

Per il resto del territorio europeo si può invece fare una distinzione nord -sud: i paesi del sud sono relativamente risparmiati dalla recente fiammata (Italia, Spagna, Portogallo e in parte anche la Francia), le percentuali di vaccinati sono piuttosto alte, ma questo non basta a spiegare il contenimento dei contagi e le differenze con il centro-nord dell’Europa, dove invece l’epidemia riprende vigore in modo molto rapido (Belgio, Danimarca, Olanda, Germania). Anche in queste aree la copertura vaccinale è piuttosto buona ma, secondo gli esperti, sono stati gli allentamenti delle misure restrittive a contribuire al brutale peggioramento. Un rilassamento nei comportamenti che si è rivelato un errore.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos