728 x 90

Gerusalemme ancora sotto attacco

Gerusalemme ancora sotto attacco

Attentato nei pressi della Porta delle Catene nella Città Vecchia: due assalti in meno di una settimana a Gerusalemme

di Maurizio Petrocchi*

Mercoledì pomeriggio un attentato – di cui ci siamo già occupati – è successo nei pressi della Porta di Damasco a Gerusalemme. A 72 ore di distanza un altro attentato ha scosso ancora la Città Santa. Questa domenica mattina alle 9.00 nella Città vecchia di Gerusalemme un grave attacco terroristico, effettuato con un’arma da fuoco ha causato un morto e tre feriti. Secondo i servizi di soccorso di Magen David Adom i due feriti erano civili e due erano gli agenti di polizia di frontiera. Un uomo è stato portato in condizioni critiche al centro medico dell’Università Hadassah sul Monte Scopus di Gerusalemme con ferite alla testa ed è stato successivamente dichiarato morto. Un secondo civile ha riportato ferite da moderate a gravi e gli agenti di polizia di frontiera hanno riportato ferite lievi.

Due agenti di polizia si sono precipitati sulla scena vicino a uno degli ingressi del Monte del Tempio e hanno aperto il fuoco verso l’aggressore, successivamente altri due agenti sono corsi per fornire assistenza.

L’attentatore contro cui gli agenti di polizia hanno aperto il fuoco neutralizzandolo, è un palestinese di Gerusalemme Est. Il terrorista di seguito identificato come Fadi Abu Shkhaydam, un 42enne residente nel campo di Shuafat a Gerusalemme est, è un noto membro di Hamas. Da fonti non ancora confermate sembrerebbe che sua moglie e suo figlio abbiano lasciato il paese diversi giorni prima dell’attacco.

Fadi Abu Shkhaydam ha aperto il fuoco tenendo in mano un mitragliatore Beretta M12, un’arma standardizzata non comune in Israele. Il terrorista è risultato affiliato all’ala politica di Hamas, e pregava regolarmente nella Città Vecchia. Hamas si è rapidamente assunto la responsabilità dell’attacco, definendola una “operazione eroica” e avvertendo “il nemico criminale e il suo governo di fermare gli attacchi alla nostra terra e ai nostri luoghi santi. [Israele] pagherà un prezzo per le iniquità che commette contro Al -Moschea Aqsa, Silwan, Sheikh Jarrah e altrove.”

Le forze israeliane che erano sul posto sono riuscite a neutralizzare immediatamente l’attentatore. Naturalmente dopo questi ultimi gravi episodi il Ministro della Pubblica sicurezza Omer Bar-Lev e il commissario di polizia Kobi Shabtai hanno aumentato il livello di vigilanza.  Potrebbero esserci degli attacchi imitativi nei prossimi giorni da qui la scelta di innalzare il livello di allerta da parte del Ministro.

Apprendiamo dalle dichiarazioni di Bart Lev che il terrorista “si è mosso attraverso i vicoli e ha sparato parecchio. Fortunatamente, il vicolo era per lo più vuoto perché altrimenti ci sarebbero state più vittime. L’intero incidente è durato 32 o 36 secondi. L’azione delle donne e degli uomini della polizia israeliana è stata un’operazione ad alto livello che ha reso inoffensivo l’uomo, così si è complimentato per l’operazione il ministro della Difesa Benny Gantz che ha affermato di voler elogiare le forze di polizia “che hanno agito rapidamente e con risolutezza e hanno sventato un attacco molto più grave”.

Ma andiamo a vedere chi era lo “studioso” islamico che ha compiuto l’attacco a Gerusalemme.

Non è dato sapere se avesse un ruolo ufficiale con Hamas, ma ciò che è chiaro è che era un suo affiliato e regolarmente esprimeva opinioni simili a quelle del gruppo con sede a Gaza.

Coloro che conoscevano lo sceicco Fadi Abu Shkhaydam non sono rimasti sorpresi di sentire che era il terrorista che ha compiuto l’attentato nella Città Vecchia di Gerusalemme domenica mattina. Descritto dai suoi amici e conoscenti come uno “studioso islamico”, il 42enne Abu Shkhaydam era un noto predicatore nelle moschee di Gerusalemme est, inclusa la moschea di Al-Aqsa. Alcuni lo definivano come il “funzionario anziano di Hamas a Gerusalemme”.

Abu Shkhaydam, padre di cinque figli, è nato nel campo profughi di Shu’fat, l’unico campo situato entro i confini della municipalità di Gerusalemme. Il campo è gestito dall’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro per i rifugiati palestinesi (UNRWA), sebbene si trovi sotto la sovranità israeliana.

Gli amici di Abu Shkhaydam lo chiamavano “mourabit” (soldato di guarnigione o difensore di una fede) a causa delle sue attività per impedire agli ebrei di visitare il Monte del Tempio.

Si ritiene che più di 1000 uomini e donne siano stati reclutati da vari gruppi islamici per “difendere” la Moschea di Al-Aqsa dai presunti tentativi di Israele di “cambiare lo status quo” assegnando spazi di preghiera per gli ebrei al Monte del Tempio.

Nel 2015, Israele ha messo fuorilegge il mourabitoun (i difensori della fede), ma nonostante il divieto, decine di uomini e donne, tra cui Abu Shkhaydam, hanno continuato ad arrivare al Monte del Tempio quasi ogni giorno per molestare e gridare agli ebrei che entrano nell’area sotto la protezione della polizia.

“Lo sceicco Fadi era un mourabit permanente nella moschea di al-Aqsa”, ha detto suo zio, Shibli Sweiti. “Ha studiato sharia (legge religiosa islamica) e stava lavorando al suo dottorato di ricerca. Era un educatore alla moschea e insegnava sharia in alcune scuole di Gerusalemme”. In alcuni video recuperati nei social dopo l’attacco terroristico, si vede Abu Shkhaydam cantare slogan nel complesso della moschea di Al-Aqsa in cui si impegna a difendere il sito da qualsiasi “aggressione”. In altri video, lo si vede elogiare i prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane e esortare i musulmani a combattere contro i loro “oppressori”. In un recente sermone durante la preghiera del venerdì, Abu Shkhaydam si è scagliato contro i paesi arabi e i capi di stato, soprannominandoli “prostitute” a causa della loro presunta “collusione” con Israele e “tradimento” dei palestinesi.

Cultore della materia e Dottorando in Storia Contemporanea Università di Macerata. Esperto in Violenza Politica, Terrorismo e Sicurezza, membro del Security Institute – London

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos