728 x 90

E’ GUERRA IN UCRAINA

E’ GUERRA IN UCRAINA

di Maurizio Petrocchi
Storico,Esperto di violenza politica confitti e terrorismo

Questa notte – come riportato dal New York Times – il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato l’inizio di una “operazione militare speciale” in Ucraina, dopo mesi di speculazioni sulle intenzioni della Russia poiché ha ammassato decine di migliaia di truppe al confine con l’Ucraina.

Rivolgendosi alla sua nazione in un discorso televisivo trasmesso intorno alle 6.00 Putin ha affermato che il suo obiettivo è quello di “smilitarizzare” ma non occupare il paese.

Pochi minuti dopo si sono verificate grandi esplosioni vicino a Kharkiv, nella capitale Kiev ed in altre parti del paese. Secondo fonti ufficiali ucraine, la Russia ha lanciato missili balistici e da crociera contro aeroporti e quartier generali militari vicino a Kiev. Nell’Ucraina orientale, i missili russi hanno colpito obiettivi a Kharkiv e Dnipro, inoltre e sono stati segnalate forti esplosioni a Kramatorsk. I servizi di emergenza statali ucraini hanno affermato che sono stati lanciati attacchi contro 10 regioni ucraine, principalmente nell’est e nel sud del paese. Diversi aerei sono stati colpiti negli aeroporti. L’operazione è iniziata pochi minuti dopo che il presidente russo Vladimir V. Putin ha pronunciato un discorso in cui dichiarava l’inizio di un’operazione militare in Ucraina e quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito a New York.

Truppe russe sono sbarcate ad Odessa e stanno attraversando il confine. Il ministro degli interni ha fatto sapere in una nota che “l’invasione è iniziata”. La Russia sta invadendo l’Ucraina da più fronti, sono state segnalate truppe in movimento che marcerebbero verso Kiev anche dalla Bielorussia.

Dmytro Kuleba il ministro degli Esteri ucraino ha dichiarato che Putin ha “iniziato una guerra su vasta scala contro l’Ucraina” e ha iniziato a bombardare le città civili.

Intanto Kiev in questi minuti ha ripristinato la legge marziale, oramai sono in guerra.

Putin ha detto che stava agendo dopo aver ricevuto una richiesta di assistenza dai leader dei territori separatisti sostenuti dalla Russia formati nell’Ucraina orientale nel 2014, una mossa che gli analisti occidentali avevano previsto come possibile pretesto per un’invasione.

Putin ha anche descritto l’operazione come una risposta a una “questione di vita o di morte” che, secondo lui, la Russia stava affrontando a causa dell’espansione verso est dell’alleanza NATO, alla quale l’Ucraina aspirava ad aderire.

“Questa è quella linea rossa di cui ho parlato più volte”, ha detto Putin. “L’hanno attraversata”.

In un linguaggio bellicoso, Putin ha anche lanciato quello che sembrava essere un avvertimento ad altri paesi.

“Chiunque tenti di interferire con noi, o ancor di più, di creare minacce per il nostro Paese e il nostro popolo, deve sapere che la risposta della Russia sarà immediata e ti porterà a conseguenze come non hai mai sperimentato prima nella tua storia”, ha detto il presidente russo.  “Siamo pronti per qualsiasi svolta degli eventi”.

Maurizio Petrocchi

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos