728 x 90

Quanto è realistica la minaccia nucleare?

Quanto è realistica la minaccia nucleare?

di Maurizio Petrocchi

In un’analisi dell’11 febbraio 2022 Sivkov, studioso di scienze e tecnologie militari, propose quattro opzioni che la Russia potrebbe adottare per la distruzione totale degli Stati Uniti attraverso l’uso di armi nucleari.

Una guerra nucleare tra Russia e Stati Uniti potrebbe portare alla distruzione totale di questi paesi, scrive sul Military Industrial Courier, il vicepresidente dell’Accademia russa di scienze missilistiche e di artiglieria (RARAN) per la politica dell’informazione, dottore in scienze militari Konstantin Sivkov .

La pubblicazione dell’autore, intitolata “The Path to Armageddon”, offre quattro opzioni per la risposta di Mosca alla minaccia nucleare di Washington.

La prima opzione prevede che la Russia lanci un attacco nucleare preventivo contro gli Stati Uniti e i suoi alleati. “In questo caso, quasi tutte le testate raggiungeranno gli obiettivi di distruzione e gli Stati Uniti cesseranno di esistere come Stato”, assicura l’esperto, ammettendo che l’attacco di rappresaglia sarà solo del 30-40 per cento più debole di quello preventivo e “Causerà danni mostruosi alla Russia”.

La seconda opzione è lanciare un attacco nucleare preventivo con l’inizio della distruzione da parte americana delle forze di deterrenza strategica (SSS) russe con armi convenzionali. “Il nemico neutralizzerà solo una piccola parte del nostro potenziale nucleare, non più del 10-12%. Le conseguenze di un tale colpo per gli Stati Uniti saranno altrettanto catastrofiche come nella prima opzione “, assicura l’autore.

La terza opzione è lanciare un attacco nucleare di rappresaglia, a cui potrebbe prendere parte dal 40-50 al 70-75 percento del potenziale nucleare russo. Secondo il vicepresidente della RARAN, a seguito di scioperi reciproci, “entrambi i paesi cesseranno effettivamente di esistere”.

“La quarta opzione prevede un attacco nucleare di rappresaglia. Bisogna ammettere che questa variante delle azioni della Russia sarà la più probabile. In questo caso, secondo varie stime e con varie opzioni per lo sviluppo della situazione, dal 15-20 al 25-30 percento del numero iniziale di testate russe sarà in grado di raggiungere obiettivi sul territorio statunitense “, assicura l’autore, osservando che “questo colpo distruggerà la maggior parte dell’economia americana, ma non tutta”.

Sivkov è fiducioso che, a seguito di una guerra nucleare tra Russia e Stati Uniti, “la civiltà stessa rimarrà e altri paesi, come Cina, India e Brasile, ne diventeranno i leader”. A suo avviso, la conseguenza del conflitto nei territori russo e americano sarà l’inizio non di un “inverno nucleare”, ma di un “autunno nucleare”.

Nel novembre 2020, Sivkov ha affermato che la Russia potrebbe distruggere gli Stati Uniti con i mezzi che già possiede. “Questa potrebbe essere la creazione di un raggruppamento di forze in grado di distruggere gli Stati Uniti avviando processi geofisici distruttivi sul loro territorio consegnando munizioni del calibro di diverse decine di megatoni di TNT equivalenti a zone criticamente pericolose del continente americano”, il autore assicurato.

Nell’ottobre 2018, un esperto ha ammesso che la Russia potrebbe rispondere in modo asimmetrico agli Stati Uniti creando 40-50 armi nucleari ipercalibro (più di 100 megatoni di TNT) per missili balistici intercontinentali pesanti (ICBM) o siluri ultra lunghi, che garantiranno il trasporto a zone in condizioni geofisiche criticamente pericolose negli Stati Uniti (ad esempio, il supervulcano di Yellowstone, Pacific Coast Rifts) di almeno alcune di queste armi.

Nel febbraio dello stesso anno, il vicepresidente della RARAN propose di creare un mega-razzo termonucleare anti-asteroide per 210 miliardi di dollari.
A febbraio le analisi dell’esperto potevano sembrare delle “farneticazioni” quando ancora la Russia non aveva invaso l’Ucraina né bombardato le maggiori città. Tanto meno non aveva ancora minacciato la Finlandia e la Svezia e nemmeno tanto indirettamente la NATO. Oggi l’analisi di Sivkov assume tutt’altro aspetto considerato che da diversi giorni si sta già parlando di un possibile ed eventualmente escalation nucleare.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos