728 x 90

La domenica di sangue 13 morti e 14 feriti. Accadeva 50° anni fa a Londonderry

La domenica di sangue 13 morti e 14 feriti. Accadeva 50° anni fa a Londonderry

di Maurizio Petrocchi – Storico, Esperto di violenza politica confitti e terrorismo
Università di Macerata

Il 30 gennaio 1972 a Londonderry Irlanda del Nord intorno alle 14 doveva iniziare una marcia pacifica contro l’internamento senza processo della Northern Ireland Civil Rights Association (NICRA), ovvero di cittadini irlandesi sospettati di terrorismo.

Alle 14.50 il corteo partiva dalla Central Drive nella tenuta di Creggan in direzione di Bogside. Lungo il percorso molte persone si erano unite al corteo, intorno alle 15.25 aveva appena superato il “Bogside Inn” e svoltato su Westland Street prima di scendere in William Street. Le stime del numero di manifestanti a questo punto variano. Alcuni osservatori hanno stimato all’incirca 20.000 persone che avevano preso parte alla manifestazione, mentre il Widgery Report (piuttosto in veritiero) ha stimato tra i 3.000 e 5.000. Intorno alle 15.45 la maggior parte dei manifestanti aveva seguito le istruzioni degli organizzatori svoltando in via Rossville Street per terminare al “Free Derry Corner”. Tuttavia una parte della folla continuò lungo William Street fino alla barricata dell’esercito britannico dove si sviluppò una rivolta. (Gli scontri tra la gioventù cattolica di Derry e l’esercito britannico erano diventati una caratteristica comune della vita in città e molti osservatori riferirono che la rivolta non era particolarmente intensa.)

Verso le 15.55 circa, lontano dalla rivolta e anche fuori dalla vista dell’incontro, un plotone di soldati ritenuti dei mitragliatori dei paracadutisti, in un edificio abbandonato in William Street aprirono il fuoco (sparando 5 colpi) ferendo Damien Donaghy di 15 anni e John Johnston di 59. Entrambi furono curati per le ferite riportate e furono portati in ospedale (Johnston morì il 16 giugno 1972).

Negli stessi momenti sempre intorno alle 15.55, mentre la rivolta in William Street si stava sciogliendo, i paracadutisti iniziarono con gli arresti. Verso le 16,05 la maggior parte delle persone si era trasferita al “Free Derry Corner” per partecipare alla riunione.

Alle 16.07 venne dato ordine ad una “sotto unità” (unità di supporto) del 1 ° reggimento paracadutisti di trasferirsi in William Street per iniziare gli arresti contro tutti i rivoltosi rimasti. L’ordine che autorizzava l’operazione di arresto affermava specificamente che i soldati “non dovevano condurre alcuna battaglia lungo Rossville Street”. Intorno alle 16.10 i soldati della sotto unità, la Support Company del 1° Battaglione di paracadutisti iniziarono ad aprire il fuoco sulle persone nell’area di Rossville Street Flats. Verso le 16.40 la sparatoria si concluse con la morte di 13 civili e altri 14 furono feriti. Oggi sono trascorsi 50 anni da quella marcia di protesta sfociata in una carneficina da parte dell’esercito britannico, e nel giorno della ricorrenza centinaia di persone hanno seguito le orme dell’originale marcia per i diritti civili della Bloody Sunday. I parenti delle vittime e dei feriti hanno ripercorso il tragitto della marcia con centinaia di sostenitori nell’ambito di una serie di eventi commemorativi per celebrare il 50° anniversario delle uccisioni. Sono state deposte delle corone al memoriale della Bloody Sunday della città dal capo del governo irlandese, Micheál Martin, dal presidente dello Sinn Féin, Mary Lou McDonald, e dal leader dell’SDLP, Colum Eastwood.

I nomi di coloro che furono uccisi e feriti sono stati letti durante il servizio funebre durato 45 minuti. Successivamente Martin ha incontrato le famiglie al Museum of Free Derry. Ha detto: “è stato un privilegio essere qui e incontrare le famiglie di Bloody Sunday nel 50° anniversario della terribile atrocità. Li ho ringraziati per la loro campagna estremamente dignitosa, persistente e coraggiosa per perseguire i principi universali di giustizia, verità e responsabilità”. Il presidente dell’Irlanda, Michael D Higgins, ha registrato un messaggio speciale alle famiglie della Bloody Sunday, che è stato mostrato durante un evento commemorativo al teatro del Millennium Forum.

Il suo messaggio, che è stato trasmesso su un grande schermo in live streaming, e ha reso omaggio alla “ricerca incessante della verità” delle famiglie per rivendicare i ricordi dei loro cari. “La tua campagna ha richiesto il rovesciamento di quelle forze che cercavano di evitare la verità necessaria su ciò che è accaduto ed eludere la responsabilità”, ha affermato Higgins.

“Ringraziamo il coraggio e la perseveranza delle vittime e delle loro famiglie che hanno combattuto instancabilmente per la giustizia e che continuano a farlo oggi. La loro tenacia serve da esempio per le altre vittime legate a Troubles a non rinunciare mai alla lotta per la giustizia. Il presidente Irlandese ha poi concluso dicendo “Ci impegniamo a onorare la memoria di coloro che sono morti al Bloody Sunday, stando con tutte le vittime dei Troubles e continuando a lavorare per la pace permanente sulla nostra isola condivisa”.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos