728 x 90

Torna alla vittoria la Sutor, il commento di coach Damiano Cagnazzo

Torna alla vittoria la Sutor, il commento di coach Damiano Cagnazzo

 

MONTEGRANARO – Un successo fondamentale in chiave salvezza. La Sutor Montegranaro ha battuto la Virtus Civitanova per 77-53 e in un colpo solo, oltre alla vittoria ha messo a posto anche la differenza canestri negli scontri diretti che significa molto qualora le due squadre arrivassero appaiate in classifica alla fine. Finalmente la compagine calzaturiera è tornata a conquistare il referto rosa, cosa questa che non accadeva dalla vittoria esterna con la Luiss Roma e con esso il primo successo interno stagionale che lascia ben sperare per il futuro. I gialloblù hanno giocato una buona partita e man mano hanno fatto capire agli avversari che in questa occasione o di riffa o di raffa i due punti se li sarebbero presi loro. I veregrensi hanno fatto ottime scelte in attacco dove i ragazzi sono stati bravi a passarsi la palla, la vittoria però è arrivata da una grande prova difensiva che ha concesso agli avversari la miseria di 53 punti. Senza Montanari, buono è stato l’esordio di Re che non ha trovato molto al tiro, ma che è stato funzionale in difesa e in altre zone del campo.

Con l’allenatore Damiano Cagnazzo abbiamo provato a fare il punto della situazione.

Coach, che partita è stata secondo lei quella con Civitanova?

“Quella con Civitanova è stata una bella gara da parte nostra con tanti spunti positivi. Voglio Fare i complimenti a tutti coloro che sono scesi in campo che hanno messo applicazione e dedizione difensiva e da lì, abbiamo avuto lo slancio per produrre anche buone cose offensive. Ci siamo creati tanti tiri aperti che non sempre sono andati dentro, ma che ci hanno permesso di gestire la partita. Abbiamo vinto il duello a rimbalzo, chiuso bene l’area pitturata contro una squadra che predilige attaccare il ferro con i suoi giocatori. Siamo stati altresì bravi a non farci prendere dalla frenesia per non far rientrare in partita il nostro avversario. Siamo contenti per la vittoria, per aver ribaltato la differenza canestri e per l’energia che questo successo ci potrà dare da qui in avanti”.

Le mancava Montanari, come giudica il debutto di Marco Antonio Re?

“L’idea è quella di migliorarci. Marco, pur essendo arrivato da poco e trovando una situazione nuova per lui, è stato molto bravo e attento a livello difensivo, pur in una serata difficile al tiro da parte sua. Il lavoro del singolo, come dico sempre, viene poi esaltato da quello della squadra che si è applicata molto in difesa e alla fine si è conquistata questo bel risultato”.

Anche in attacco avete mosso bene la palla pronti a riconoscere ogni loro adeguamento difensivo. Cosa ne pensa?

“Siamo stati bravi a muovere la palla e a crearci ottime situazioni di tiro. Quando non lo abbiamo fatto, siamo ricaduti nei soliti errori. Poi la squadra ha capito che più si riesce a muovere la difesa avversaria, e meglio è per tutti”.

Che sensazione si prova a non essere più ultimi in classifica?

“Bella però, il campionato è ancora molto lungo. Sappiamo bene che avremo da qui in avanti partite molto, molto difficili da affrontare, questo è stato un primo passo, adesso bisognerà farne altri per poter cercare di risalire la china, altrimenti la vittoria con Civitanova avrà poco valore.

Qual’è il problema di Montanari?

“Si è procurato un’altra distorsione sulla stessa caviglia infortunata, lo staff medico e fisioterapico era stato molto bravo a rimetterlo in piedi dopo l’assenza contro Jesi però, è arrivato venerdì lo stesso infortunio. Speriamo si possa riprendere al più presto”.

Si aspettava un avversario così, stiamo parlando di Civitanova?

“Sì perché la Virtus è un avversario che non molla mai anche quando non è in piena fiducia. Credo che in questa vittoria ci siamo molti meriti da parte nostra che abbiamo fatto sembrare più semplice una partita difficile sulla carta”.

Questo successo vi permetterà di allenarvi meglio durante la settimana?

“Credo che questa vittoria debba trasmetterci ancora più entusiasmo e voglia su quello che facciamo nel lavoro quotidiano. Abbiamo davanti a noi una settimana per preparare al meglio una partita difficile contro Ancona, una squadra difficile da affrontare che ha castigato anche le grandi di questo torneo”.

Infine, so che lei non ama parlare dei singoli però come giudica la prova di un Galipò straripante?

“Parlo di lui volentieri però lo faccio esaltando ancora il gioco di squadra. E’ stato molto bravo a giocare aggressivo fin da subito e grazie anche al lavoro dei compagni ha trovato ottime soluzioni personali. Ha difeso bene, è entrato in fiducia e alla fine i risultati si sono visti”.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos