728 x 90

A Porto Sant’Elpidio incontro per l’accoglienza dei profughi afghani

A Porto Sant’Elpidio incontro per l’accoglienza dei profughi afghani

Il coordinamento Nativa di Porto Sant’Elpidio, formato da singoli cittadini e da associazioni che operano da sempre nel sociale, fa della solidarietà per ciascun popolo vittima di ingiustizia e di guerra, il proprio fondamento di azione. Tra i vari progetti, quello di accoglienza di profughi afghani per il quale è stata presentata lo scorso settembre

Il coordinamento Nativa di Porto Sant’Elpidio, formato da singoli cittadini e da associazioni che operano da sempre nel sociale, fa della solidarietà per ciascun popolo vittima di ingiustizia e di guerra, il proprio fondamento di azione. Tra i vari progetti, quello di accoglienza di profughi afghani per il quale è stata presentata lo scorso settembre una mozione accolta dal Consiglio Comunale. Accanto a ciò è nata l’idea di sensibilizzare ed informarsi attraverso la testimonianza di persone che vivono o hanno vissuto in zone colpite dalla guerra. Comprendere meglio ciò che spesso accade vicino a noi significa capire e lasciar scivolare via i pregiudizi, guadagnando in senso di responsabilità ed umana solidarietà verso il prossimo. Per questo tutti sono invitati a partecipare il prossimo venerdì 4 marzo presso il teatro delle api di Porto Sant’Elpidio ad un incontro pubblico, che si svolgerà di seguito a quello con le scuole superiori della città programmato nella mattinata. Nel corso dell’incontro si potrà ascoltare e partecipare al dibattito con il giornalista e ricercatore free-lance Giuliano Battiston già noto per i suoi interessanti ed approfonditi reportage, con la dott.ssa Raffaella Baiocchi, responsabile dell’area di ostetricia e  ginecologia dell’ospedale di Emergency in Afghanistan e con le ragazze afghane, ospiti qui da noi con il progetto SAI “ Nuovi inizi” di P.S.Elpidio.

Modererà l’incontro la giornalista Laura Meda.

Il gruppo “Nativa “ si dichiara contro tutte le guerre, a favore del superamento della paura e dell’odio, per far sì che la solidarietà ed i gesti concreti possano alimentare la solidarietà, l’informazione corretta e la lotta alle ingiustizie, non da ultimo,anche contro le donne. 

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos